Napoli, nel Complesso monumentale di San Severo al Pendino la Mostra di arte presepiale fino all’8 gennaio 2022

Napoli, nel Complesso monumentale di San Severo al Pendino la Mostra di arte presepiale fino all’8 gennaio 2022

 60 visite totali,  2 visite oggi

XXXV Mostra di arte presepiale – Dal 4 dicembre 2021 all’8 gennaio 2022, Complesso monumentale di San Severo al Pendino

La trentacinquesima mostra di arte presepiale, a cura dell’Associazione Italiana Amici del Presepio, è allestita nel complesso monumentale di San Severo al Pendino in via Duomo 286 in Napoli e sarà aperta dal 04/12/2021 al 08/01/2022 dalle ore 9 alle ore 19. Per i giorni 24 e 31 Dicembre 2021 la mostra resterà aperta dalle 9 alle 14 mentre resterà chiusa nel giorno di Natale e il primo giorno del nuovo anno.

Il presepe napoletano

Il presepio Napoletano si afferma nel ‘600 e già dai suoi albori l’evento della nascita di Cristo è calato nella vita quotidiana, tutti i “Pastori” che affollano la scena sono modellati nell’atteggiamento caratteristico di “vita quotidiana” e le caratteristiche espressioni sono di estasi, meraviglia, pigrizia (dormiente) che si possono riscontrare in tutte le statuine che rappresentano dal signore di ceto elevato al pezzente fino ai grotteschi personaggi deformi. Questa moltitudine di “gente” affolla una scena con ambienti tipici come il mercato, la taverna, la grotta o il rudere di tempio che accoglie la Sacra Famiglia e ancora greggi, animali vari, ambulanti e il Corteo dei Magi con al seguito la banda degli orientali. Il presepe napoletano d’oggi pur sempre ispirato al naturalismo dei manufatti, per esigenze tecniche e modificazioni socio – culturali ha cambiato connotazioni, si è rimpicciolito per mancanza di spazi e si è calato nella convulsa vita odierna con personaggi moderni, divi del momento, calciatori famosi non mancano tra i personaggi.

Una sezione dedicata anche ai presepi degli alunni delle scuole dell’obbligo

Testimone di quanto detto sono i presepi in mostra degli alunni delle scuole d’obbligo che partecipano al concorso “Il mio presepe”, a cui è dedicata una sezione degli spazi espositivi, fatti con materiali diversi affrontano e rappresentano problematiche della vita moderna, situazione dei migranti, inquinamento ed alto. Una natività inserita in un presepe affollato di personaggi e persone della convulsa realtà sociale odierna.

Per prenotazioni visite guidate e informazioni:

www.amicidelpresepionapoli.com