Intervista esclusiva alla fotomodella Vania Scarpato: un vortice di bellezza

Intervista esclusiva alla fotomodella Vania Scarpato: un  vortice di bellezza

 101 visite totali,  1 visite oggi

Una simpatica chiacchierata con la modella Vania Scarpato per raccontarci cosa gli ha permesso di diventare una star del fashion system in questi anni. Le abbiamo fatto alcune domande e abbiamo scoperto anche la sua personalità solare ed elegante.

Ciao Vania Scarpato e benvenuta sul mio portale. Come ti definisci personalmente e professionalmente?

Personalmente mi definisco una donna forte, tenace e grintosa, con tanta voglia di vivere la vita a 360 gradi. Invece professionalmente mi definisco una donna seria e determinata, che ama il suo lavoro vado sempre fino in fondo ai miei obiettivi.

Quando e com’è nata la tua passione per diventare modella?

La passione della moda è nata da quando sono nata…, dal 1983, e ho sempre amato la moda avendola nel sangue. Mia madre, una sarta, e mia sorella, ex modella, mi hanno tramandato tale passione e abbiamo sempre amato vestirci bene per ogni occasione.

Qual è il tuo motto personale?

Il mio motto? Ne ho tantissimi ma quello che mi si addice di più è il seguente: “E vivi e lascia vivere”.

Qual è stato il più grande successo della tua vita?

Il mio successo più grande della mia vita è stato quello di diventare mamma e vincere molte fasce importanti nei concorsi di bellezza inaspettatamente.

Una domanda ostentata. Qual’è il tuo outfit preferito?

Il mio outfit preferito? Sono una ragazza che ama cambiare ma che di solito indossa abiti eleganti o casual.

Rimanendo nel settore moda, quali sono i tuoi progetti futuri?

In futuro mi piacerebbe molto continuare a posare collaborando con brand di alto livello internazionale. Possedere un obiettivo mi trasmette sempre il coraggio e l’umiltà di portarlo a termine, senza mai smettere di barcamenarmi tra i mille impegni con l’entusiasmo di chi crede fermamente in ciò che fa.

Ringraziamo vivamente la tua gentilezza e disponibilità per averci concesso questa stupenda intervista.