Presentazione dell’evento stellare enogastronomico-benefico “Cenando sotto un Cielo Diverso”

Presentazione dell’evento stellare enogastronomico-benefico “Cenando sotto un Cielo Diverso”

 280 visite totali,  1 visite oggi

Tra il panorama mozzafiato sul Golfo di Napoli della meravigliosa location di Villa Lucrezio, sita in Via Tito Lucrezio Caro, 40 – Napoli, si è tenuta giovedì 2 settembre alle ore 18:30 la conferenza stampa di presentazione della tredicesima edizione di “Cenando sotto un Cielo Diverso”, davanti a una gremita folla di persone, sempre nel pieno rispetto delle normative anticovi-19. Un successone per l’anteprima della generosa e elettrizzante kermesse benefica che si svolgerà lunedì 13 settembre nella bellissima location di Villa Alma Plena (CE), unico appuntamento estivo-invernale quest’anno a causa dell’emergenza sanitaria del Covid. Un evento al di sopra delle aspettative, da record, con 190 produttori, tante aziende, cantine e chef (stellati e non), che saranno in azione per il comune obiettivo di sostenere sia i ragazzi del centro Don Orione di Ercolano (per i quali sarà organizzata una festa durante il periodo natalizio) che i bambini del reparto di nefrologia dell’ospedale Santobono Pausilipon (ai quali per Natale 2021 saranno donati giocattoli e dolciumi). Il loro motto è donare momenti di felicità a persone speciali. Alla conferenza stampa hanno partecipato l’ideatrice ed esperta di food & beverage, Alfonsina Longobardi, Francesco D’Ambrosio, referente del centro Don Orione, Ferdinando Rossi, responsabile Slow Food Alleanza Cuochi Campania Basilicata, Dott. Davide Milone, per l’ospedale Santobono Pausilipon, Antonella Tizzano, sponsor, Cesare Avenia, Presidente Consorzio Vitica, Ciro Torlo, modello ed attore testimonial dell’evento, Giuseppe Moscarella, modello ed attore testimonial dell’evento, Pietro Iadicicco, responsabile AIS Caserta, lo chef Salvatore Spuzzo e Nunzia Rocco Buiano, per Villa Alma Plena, Giacomo Luongo, chef di Villa Lucrezio, Ida Piccolo, la presentatrice e conduttrice tv, Grazia Guarino e Maria Consiglia Izzo per XY Agency (press office), Silvia la Penna per View Point, media partner dell’evento, Annamaria Ghedina, Antonio D’Addio per Lo strillo, media partner dell’evento, e il giornalista Giuseppe De Carlo. Gli interventi sono stati moderati dalla bellissima e audace Maria Consiglia Izzo.

A prendere la parola, la “deus ex machina” dell’evento, Alfonsina Longobardi, che ha spiegato “l’ampliamento della famiglia di questo grande evento che è arrivata a duecento realtà ristorative a sostenere la tredicesima edizione. Cenando sotto un Cielo Diverso è sempre una grande emozione per me e vivo sempre di emozioni dando tanto per la solidarietà. Ringrazio tutti di cuore per essere qui presenti.

A susseguirsi l’intervento del Dott. Davide Milone, per l’ospedale Santobono Pausilipon, che ha affermato “che in passato è stato fatto molto e si continuerà a fare in questi anni. Recentemente l’acquisto di un attrezzattura molto particolare ossia un nefrolografo per ridurre i tempi di attesa a tempi brevissimi e lo studio di malattie rare. Ringrazio Alfonsina Longobardi per i bei momenti di solidarietà che riesce a dare sempre a questi ragazzi speciali”.

Tra gli interventi anche quello del modello e attore Ciro Torlo, e il modello Giuseppe Moscarella, testimonial di questa manifestazione, che hanno parlato “di non rendersi mai protagonisti assoluti e cercando con la loro bellezza di sostenere delle manifestazioni importanti come queste, cercando di sensibilizzare anche i giovani per portare anche loro un messaggio di solidarietà. Fare bene fa bene. Importante essere a sostegno delle persone diversamente abili ed è stata un emozione vivere quelle giornate con i ragazzi del centro Don Orione ad aprile 2021.

Poi l’intervento dello chef di Villa Alma Plena Salvatore Spuzzo, che hanno ospitato tale manifestazione per due anni consecutivi, che ha parlato “di una sinergia così forte e quest’anno la tredicesima edizione si preannuncia piena di novità con chef internazionali“.

Poi si è parlato di prodotti della Campania Felix con Ferdinando Rossi, responsabile Slow Food Alleanza Cuochi Campania Basilicata, dichiarando “che in questi cinque anni di collaborazione coniugando il tema sociale alla valorizzazione del territorio con i prodotti del nostro territorio. I nostri chef sono dei pionieri perchè oltre a cucinare prodotti locali che tutelino gli antichi sapori, salvaguardano anche l’ambiente con l’utilizzo di materiali riciclabili, senza nessun impatto ambientale.

Un altro sodalizio di questa kermesse con Pietro Iadicicco, responsabile AIS Caserta, che si occuperà di abbinare i vini a tutte le proposte culinarie di questi tantissimi chef ai fornelli, il quale ha affermato “che si è sposato da subito questa importante iniziativa solidale e alle cose belle come queste non si finisce mai di emozionarsi. Noi come AIS metterò al servizio il nostro sistema di comunicazione con dei vini casertani ( 70 aziende) e si rappresenterà quindi tutta la provincia di Caserta facendo del bene.

Anche l’intervento di Francesco D’Ambrosio del centro Don Orione che ha sottolineato “l’importante evento di solidarietà tenutosi ad aprile e intendere la vita sempre con gioia e accoglienza. I ragazzi ci insegnano ad accogliere tutti indistintamente e hanno fatto una festa. I ragazzi prepareranno un dolce per “Cenando sotto un Cielo Diverso” facendoli diventare protagonisti”.

Altri interventi calorosi degli ospiti presenti, tra cui la presentatrice e conduttrice tv Ida Piccolo, Silvia la Penna per View Point, media partner dell’evento, Annamaria Ghedina, Antonio D’Addio per Lo Strillo, media partner dell’evento. Presente nella sala della Conferenza Stampa anche la pastry chef Barbara Ruscinito, una giovane talentuosa che ha aperto un ristorante con il fidanzato chef Antonio Cesarano “Cosmo restaurant” situato a Pompei con la sua cucina ispirata ai 4 elementi della natura.

Anche la presenza dei vini dell’azienda agricola “Poggio Ridente” presenti a San Sebastiano al Vesuvio (NA) presentando dei vini bianchi e rossi davvero eccezionali. Presenti anche i liquori delle Terre Pompeiane di Enzo Avitabile, il geniale ideatore del Babà Re.