Ritorna la kermesse solidale “Un pensiero per Fiorella Fabiola”

Ritorna la kermesse solidale “Un pensiero per Fiorella Fabiola”

 279 visite totali,  1 visite oggi

Napoli – Venerdì 29 ottobre presso il “Salotto Troisi” di Acerra, diretto dal Conte Gennaro Cocorullo, si terrà la quarta edizione del convegno-evento “Un pensiero per Fiorella Fabiola”, a sostegno delle vittime di depressione. Il progetto nasce da un’idea di Magda Mancuso, giornalista e conduttrice tv, in seguito ad una esperienza tragica. Circa 8 anni fa la sorella gemella della Mancuso, in seguito ad un lungo periodo di depressione, si è tolta la vita, da qui la voglia di aiutare il prossimo lasciando una giusta informazione con professionisti del settore medico e non solo. Il convegno sarà Tramesso in diretta sui social e in onda successivamente su TLA can. 93, TVA can 601 e Napoli International per i napoletani all’estero. Il progetto si avvale anche della collaborazione della Fondazione Ripacandida e Ginestra dell’Ingegnere Francesco Terrone e dal portavoce Dott. Massimo Sparnelli. A moderare il dibattito, Diego Paura, responsabile della redazione spettacoli del quotidiano Roma. Tra i relatori spiccano le figure degli psichiatri Pietro Prevete e Paolino Cantalupo, le psicologhe Manuela Morra e Nunzia Giacco, il nutrizionista Carlo Nunneri, il direttore della gazzetta dello spettacolo Francesco Russo e il patron di Jetset Capri Fabio Palazzi. La stessa Magda Mancuso a tal riguardo ha affermato che “abbiamo passato circa due anni terribili, dapprima di lungo isolamento collettivo poi di forti restrizioni a cui non eravamo assolutamente abituati, molte persone hanno perso i propri cari, amori e lavoro. Tanti sogni e progetti sfumati nel nulla. Tutto questo ha creato un malessere generale ed è per questo che insisto con il dialogo, importante come principale terapia di questa subdola patologia, cercheremo ancora una volta di accarezzare, attraverso i consigli dei nostri professionisti, l’anima di chi soffre con la speranza di dar loro un po’ di luce e la voglia di uscirne“.