L’atteso ritorno di Jonathan Franzen con il libro “Crossroads”

L’atteso ritorno di Jonathan Franzen con il libro “Crossroads”

 38 visite totali,  2 visite oggi

Dopo La fine della fine della terra, lo scrittore statunitense Jonathan Franzen ritorna in libreria e nelle migliori piattaforme editoriali e-commerce dal 5 ottobre, in contemporanea con gli Stati Uniti per Farrar, Straus and GirouxEd, con un nuovo capolavoro letterario intitolato “Crossroads”, edito da Einaudi. Con questo libro si ha un ritorno nel cuore dell’America rurale, allo stesso modo nel Midwest con il romanzo Le correzioni (2002) che lo ha portato al successo editoriale, ripercorrendo un romanzo intenso e trascinante, a tratti comico, a tratti drammatico e pieno di dolore. Tale libro racconta della famiglia Hildebrandt di New Prospect, Chicago, che si sviluppa a partire dai giorni dell’Avvento 1971 fino alla Pasqua dell’anno successivo. In questo lasso di tempo, i suoi membri sogneranno per sé una vita diversa, un nuovo amore o un antico amore ritrovato, o una qualche sostanza stupefacente che metta a tacere i campanelli d’allarme. Si preannuncia come il migliore romanzo e il più perfetto di Franzen, e quello più promettente. Buona lettura!

SINOSSI

Sono i giorni dell’Avvento dell’anno 1971, a New Prospect, Chicago, ma la famiglia Hildebrandt non sembra ansiosa di festeggiare il Natale. Russ, pastore di una chiesa locale, desidera un unico regalo: passare qualche ora in compagnia di Frances Cottrell, una giovane, adorabile parrocchiana che mette a dura prova la sua fede e il suo matrimonio. Sua moglie Marion sa che i tempi turbolenti non garantiscono la stabilità coniugale, e teme che i brutti segreti che ha sempre nascosto a Russ stiano per venire a galla. Rifiutando il pacifismo del padre, Clem, il figlio più grande, vuole partire volontario per il Vietnam, non perché non sia lui stesso pacifista, ma perché non sopporta di essere un ragazzo bianco privilegiato. Sua sorella Becky, la ragazza più popolare della scuola, sta cercando di attirare l’attenzione di Dio e insieme quella di un giovane cantante folk, Tanner Evans, il primo che a New Prospect si è fatto crescere i capelli e ha iniziato a indossare pantaloni a zampa d’elefante. Per impressionare Tanner e irritare suo padre, Becky è entrata in un gruppo giovanile, Crossroads, animato da un altro pastore, Rick Ambrose, figura carismatica e manipolatrice, e bestia nera di Russ. Del gruppo fa parte anche il terzo figlio, Perry, un adolescente problematico e geniale, che per Natale ha deciso di smetterla per sempre con la marijuana e diventare un bravo ragazzo: ma non sempre i buoni propositi producono i risultati voluti. Da Natale fino alla Pasqua successiva, ognuno degli Hildebrandt sognerà per sé una vita diversa, un nuovo amore o un antico amore ritrovato, o una qualche sostanza stupefacente che metta a tacere i campanelli d’allarme. Il matrimonio di Russ e Marion era iniziato vent’anni prima, per entrambi nel segno della rinascita dopo una caduta. Ora un’eredità sgradita, scritta nei geni, chiede d’essere riscossa, riducendo in cenere sogni e speranze. Richiedendo lo sforzo di tutti per una nuova, difficile rifondazione. Crossroads è un romanzo intenso e trascinante, a tratti comico, a tratti drammatico e pieno di dolore, che segna il ritorno di Franzen nel cuore del cuore del paese, il Midwest de “Le Correzioni”, e lo conferma come lo scrittore di punta della sua generazione.

File:Jonathan Franzen at the Brooklyn Book Festival.jpg - Wikimedia Commons

Note d’autore

Jonathan Franzen è uno scrittore statunitense. Pubblica regolarmente racconti e saggi su «The New Yorker» e su «Harper’s». È autore di numerosi libri, tutti pubblicati in Italia da Einaudi. Tra questi ricordiamo: i romanzi Le correzioni (2002), La ventisettesima città (2008), Forte movimento (2004), Libertà (2011), Purity (2016), Crossroads (2021); le raccolte di saggi Come stare soli. Lo scrittore, il lettore e la cultura di massa (2003), Più lontano ancora (2012) e Il progetto Kraus (2014); l’autobiografia Zona disagio (2016) e La fine della fine della terra (2019).