Grande successo per il Premio Ambasciatore del Sorriso 2021

Grande successo per il Premio Ambasciatore del Sorriso 2021

 386 visite totali,  2 visite oggi

Quest’anno il prestigioso Premio Ambasciatore dl Sorriso è stato dedicato alla memoria del Pibe de Oro Diego Armando Maradona

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 3 persone e persone in piedi

Un’altra serata densa di emozioni per il Premio Ambasciatore del Sorriso 2021 nel meraviglioso Cortile del Maschio Angioino a Napoli per la star del sociale Angelo Iannelli, che neanche le avversità del maltempo e del Coronavirus hanno fermato sabato 2 ottobre. Come ogni anno questo prestigioso riconoscimento viene dedicato alle personalità che hanno dato lustro alla città di Napoli e questa ottava edizione non poteva non essere dedicata al Dios” del calcio, Diego Armando Maradona, il riscatto sociale e sportivo portando a molti anni di luce la società Calcio Napoli con i suoi splendidi tiri col sinistro. Durante la cerimonia sono stati premiati importanti personaggi del panorama culturale italiano, che hanno donato la propria arte ai meno fortunati. Tra i premiati tante eccellenze come il Generale delle Forze Armate Giuseppe Nicola Tota, l’Avv. Angelo Pisani, l’ex calciatore del Napoli Giuseppe Bruscolotti, l’ex presidente del Calcio Napoli Campioni d’Italia Corrado Ferlaino, Rosalia Porcaro, la presentatrice Edda Cioffi, il virologo Giulio Tarro, Antonio Ferrieri, Ciro Poppella family, Raffo Art, il tifoso storico del Napoli Gennaro Montuori detto “Palumella”, Giuseppe Alessio Nuzzo, Nola Città Dei Gigli Sitting Volley, il gran Caffè Gambrinus  con i rappresentanti Massimiliano Rosati e Sergio Michele, e Gabbianella Event. Durante la serata anche un flash scenografico di moda dedicato a Diego Armando Maradona con l’Accademia Maria Mauro e poi le esibizioni dell’artista musicale Diego Moreno con il suo tango argentino, della ballerina ledshow Aigul Duisheeva, della ballerina Rosa Granato e de “La voce del Vesuvio” Marcello Colasurdo, presidente onorario del Premio, con una tammurriata per “Diego” accompagnato dai danzatori Rosa Fidati e Carlo Marino. La madrina della serata è stata la bellissima Marta Krevsun anch’essa premiata con il Premio Ambasciatore del Sorriso.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e in piedi
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 3 persone, persone sedute, persone in piedi e spazio al chiuso
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona, persona che suona uno strumento musicale, in piedi, chitarra e il seguente testo "Rino Rino D'Antonio"
Potrebbe essere un'immagine raffigurante in piedi, incendio, fuochi_d'artificio e testo
Potrebbe essere un'immagine raffigurante una o più persone, persone in piedi e spazio al chiuso
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 3 persone, persone in piedi e spazio al chiuso

La manifestazione ideata dal vulcanico artista Angelo Iannelli, in collaborazione con l’Associazione Vesuvius e con il Comune di Napoli Assessorato Cultura e Turismo e Istruzione, ha saputo ancora una volta mettere in primis il sociale su tutto nella nostra vita quotidiana. La serata è stata presentata dal trio Edda Cioffi, Angelo Iannelli ed Emanuela Gambardella con l’ingresso della new entry della bellissima miss Nunzia Ranieri con il motto di quest’edizione “Per donare un sorriso basta poco avere un cuore grande“ proprio perchè donare un sorriso a chi vive momenti difficili è davvero importante, soprattutto in questo momento particolare della Pandemia, per “rendere visibili gli invisibili e abili gli inabili. Il momento clou è stato con la perfomance strabiliante di alcuni ragazzi “speciali” che si sono esibiti sulle note di una celebre canzone dedicata a Maradona suscitando una sensazione davvero unica. Non sono finite qui le emozioni sul palco con i campioni d’Italia del Sitting Volley Nola Città dei Gigli, rappresentati dal responsabile Guido Pasciari, con il campione del mondo paraolimpico Francesco Iannelli, il capitano della nazionale italiana alle Paraolimpiadi di Tokyo Alessandra Vitale e con il Sindaco di Nola Gaetano Minieri per un riconoscimento importante per la città nolana.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 3 persone e persone in piedi

Ancora una volta un parterre stellare di eccellenze del mondo dello spettacolo, delle istituzioni, della moda, della musica e della cultura. Oltre a ricevere l’ambito riconoscimento i premiati hanno anche ricevuto deliziose confezioni del liquore Babà re di Terre pompeiane e i noti fiocchi di neve di Ciro Poppella. Anche quest’anno una mostra con alcuni stupendi dipinti raffiguranti Maradona con lo speciale Percorsi D’Arte in memoria dell’artista Leandra D’Andrea alla presenza dei figli Gioia e Giuseppe.

Potrebbe essere un contenuto artistico raffigurante 2 persone

Vista la sua valenza socio-culturale questa manifestazione è stata sostenuta da una carovana di patrocini morali con tantissimi enti locali e comuni: Regione Campania, Esercito Italiano Forze del Sud, Diplomacy Justiz O.N.U., Unicef, Telethon, Diocesi di Napoli, Fondazione Città della Scienza, Ordine dei Giornalisti della Campania,  I Conadi, Confesercenti Campania, Associazione Ciro Vive, Il Simposio delle Muse, Lions Club, i Comuni di Napoli, Salerno, Piano di Sorrento, Somma Vesuviana, Visciano, Cercola, San Giorgio a Cremano, Aversa, Saviano, Scisciano, Mariglianella, Acerra, Casola di Napoli. Il giullare del Sorriso Angelo Iannelli, che attraverso una serata all’insegna della cultura e della solidarietà, della spensieratezza e dell’allegria, ha cercato di donare un sorriso a tutti noi e ci è riuscito alla grande. Il prestigioso riconoscimento è stato realizzato come da sette edizioni dal maestro internazionale Domenico Sepe, che in questi mesi ha ideato una bellissima scultura dedicata al Dios del calcio. Premiati il sindaco Gaetano Minieri di Nola, il sindaco Costantino Peccerella di Casola di Napoli, il vice sindaco Felice Porcaro di Mariglianella e il sindaco Vincenzo Simoncelli di Saviano con un riconoscimento dell’artista Luigi Calì. Accorsi per l’evento anche tanti giornalisti, tra cui Nello Fontanella, Giuseppe De Carlo e lo storico prof. Claudio Canzanella, e alcune Associazioni sociali come Augurabile, A.s.d Polisportiva Popilia e Raggio di Sole. I momenti salienti della serata sono stati immortalati dai fotografi: Rino D’Antonio, Bruno Ciniglia, Pio Angillotti, Alessandro Gatto, Mauro Cielo, Alessandro Perrotta e Vincenzo Burrone. I vincitori della sezione poesia sociale sono stati: Lucia Ruocco, Antonio Pascucci, Antonio Botta e Giuseppe Perone. Per la sezione poesia in lingua:  Jan Kallec, Anita Napolitano, e Villani Maria. Per la poesia in Vernacolo: Salvatore Gazzara, Sergio Spena e Maria Palma Marsilio. Per la sezione racconti brevi: Grazia Dottore, Cossa Carmelo e Giovanni Macri. Il Premio Pittura è andato all’artista Luigi Cali per un opera raffigurante il Vesuvio che emette tanti colori segni di rinascita, il Premio Fotografia a Bruno Ciniglia, il Premio Scultura a Jose’ Luis Malca, il Premio Vesuvius a Renato Di Pane e il Premio Giovane Talento alla dodicenne Giulia Grimaldi con un brano sulla “Diversità”. La manifestazione è stata seguita dai più importanti mass media regionali e nazionali come In città… della giornalista Lorenza Licenziati, Intervistescion Tv di Pio Angilotti e Club Economy tv Communication di Franco Capasso. Partners di questa manifestazione: Ciro Poppella, Babà Re Terre Pompeiane, Make Up di Miky Accademy, Hair Stylist Enrica Palazzi, abbigliamento delle presentatrici di Maria Rosaria Venditto. La manifestazione si è svolta con le massime precauzioni anticovid con la limitazione della presenza di pubblico. Come sempre una serata all’insegna dell’arte, della cultura e del mondo del sociale accogliendo i nuovi Ambasciatori del Sorriso e insegnando a tutti che il Sorriso è la terapia e la bellezza della vita.

Non dimentichiamoci mai il sociale!

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 5 persone, tra cui Angelo Iannelli, persone in piedi e spazio al chiuso
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 2 persone, tra cui Giuseppe De Carlo, persone in piedi e testo

Scatti fotografici del Ph. Rino d’Antonio