Un forte messaggio di inclusione sociale con “Cenando sotto un Cielo Diverso”

Un forte messaggio di inclusione sociale con “Cenando sotto un Cielo Diverso”

 279 visite totali,  1 visite oggi

Chef stellati e vip ai fornelli delle mense sociali napoletane nei giorni 26, 28 e 30 aprile

Nell’incantevole scenario vesuviano del Centro Don Orione, sito in Via di San Luigi Orione al Vesuvio 15/A a Ercolano, si è tenuta la seconda edizione del tour de Cenando sotto un Cielo Diverso, organizzata dall’Associazione “Tra Cielo e Mare”, presieduta da Alfonsina Longobardi, che ancora una volta, nonostante il particolare momento dell’emergenza sanitaria da covid-19, ha coinvolto vip, imprenditori e chef stellati per una giornata all’insegna dell’inclusione sociale. Da marzo 2020 il lockdown, oltre a limitare le libertà personali, ha prodotto anche un impoverimento maggiore della popolazione aggiungendo nuovi poveri, con il crollo dell’economia d’intensità mai sperimentata nei decenni successivi alla seconda guerra mondiale. Gli effetti della Pandemia sono stati davvero pesantissimi coinvolgendo anche coloro che già vivevano in situazioni di indigenza e coloro che hanno dovuto chiudere le loro attività commerciali aperte da pochissimo tempo che pur di rimanere senza soldi hanno cercato di salvare le loro attività commerciali. Così Alfonsina Longobardi è scesa di nuovo in campo per un forte messaggio di solidarietà coinvolgendo tre chef stellati (Domenico Iavarone, Michele De Leo e Peppe Aversa), un famoso pasticciere, due dinamici personaggi molto popolari e importanti imprenditori nel campo del food per un tour che li portati a cucinare nelle mense e, dopo la tappa di Torre Del Greco, oggi è toccata a un’altra mensa guidata da Don Rosario Belli che si impegna insieme a tante altre persone a dar da mangiare a persone ospiti. Lo chef Michele De Leo con Antonio Garofalo hanno preparato pasta e fagioli e una scaloppina alla sorrentina, utilizzando prodotti del territorio forniti dalle aziende partner dell’iniziativa e adottando tutte le misure di precauzione sanitaria anticovid ( mascherina, guanti). Lo stesso chef Domenico De Leo ha espresso “di essere contento di regalare un Sorriso diverso attraverso la ristorazione, soprattutto in un momento particolare come quello che stiamo vivendo, con un diverso approccio a causa del distanziamento sociale“. Anche Antonio Garofalo ha affermato “di essere molto fiero di essere tra queste persone diversamente abili e di esprimere questo importante messaggio di solidarietà. Dobbiamo imparare ad apprezzare la vita quotidiana per aiutare a portare agli altri importanti gesti di compassione”. La stessa Alfonsina Longobardi ha spiegato che “per la seconda volta, a causa dell’emergenza Covid-19, abbiamo dovuto rinunciare a una delle due edizioni annuali di “Cenando sotto un Cielo Diverso”Così ci siamo concentrati sull’organizzazione di questo tour per aiutare persone che versano in condizioni precarie”. Il direttore del Centro Don Orione don Rosario Belli ha espresso “che è emozionante per la prima volta ospitare l’importante evento sociale “Cenando sotto un Cielo Diverso” come questo e che già siamo attivi come una realtà della previdenza, sensibile alle belle opere, per ospitare importanti manifestazioni solidali. Stare in compagnia con chef stellati è bellissimo perchè improntano dei importanti fari sulle stelle dei ragazzi del Centro Don Orione. I ragazzi hanno creato dell’economia domestica dove preparano dolci e biscotti e poi nella fattoria didattica uno spazio dedicato alla produzione della birra“. Anche l’intervento di Francesco Ambrosio che ha espresso “di essere stato fiero di sposare questa importante iniziativa con gli chef stellati per regalare un emozione diversa ai ragazzi rispetto alla nostra vita sociale attuale con un ottimo connubio ristorazione e sociale. Un momento davvero bello di spiensieratezza”. L’appuntamento ora è per venerdì 30 aprile per gli avventori del centro polifunzionale “Binario della Solidarietà” di Napoli, ove in tale occasione lo chef Domenico Iavarone preparerà dei fusilloni di pasta fresca con pomodorini del piennolo. I dolci sono stati offerti dal pasticciere Vincenzo Mennella. Ad occuparsi della distribuzione dei pasti vi è stato, nel maestoso e bellissimo paesaggio verde del Centro Don Orione, oltre all’ideatrice dell’iniziativa, Alfonsina Longobardi, Ciro Torlo (modello e attore, ex Mister Italia) e Giuseppe Moscarella (modello, Mister Italia 2020). L’ufficio stampa dell’evento, a cura di Maria Consiglia Izzo e Grazia Guarino. Ho avuto anche io il piacere come giornalista di esserci, insieme al bravissimo fotografo Ph. Rino D’Antonio, osservando i loro Sorrisi e che, con la loro visione leggera della vita, di fare appassire nelle nostre menti ogni problema. Grazie di questa bellissima giornata ragazzi speciali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *