Un concerto di musica in una fabbrica di ceramica umbra

Un concerto di musica in una fabbrica di ceramica umbra

 151 visite totali,  1 visite oggi

Il “sipario” di una fabbrica si è aperto alla musica e alla cultura. E’ andato in scena il concerto delle “eccellenze” fra bancali, muletti, scatole e imballaggi. Per più di mezz’ora, questa mattina, il rumore di sottofondo del forno ha lasciato spazio alle melodie della musica italiana ed internazionale.    E’ successo nello stabilimento di “Ceramiche Noi”, a Città di Castello: 17, attualmente, i soci della cooperativa e i lavoratori, che in due anni si sono ritrovati ad affrontare il dramma della chiusura della azienda per cui lavoravano, dopo aver ricevuto la notizia della possibile delocalizzazione del sito produttivo in Armenia, e la successiva rinascita. Il presidente della cooperativa, Marco Brozzi, e tutti gli altri soci-lavoratori hanno trovato la forza di ripartire mettendo in piedi, grazie alle proprie risorse finanziarie (tutta la loro Naspi e una parte del Tfr, il trattamento di fine rapporto) ed al supporto di Legacoop Umbria e dei sindacati, una azienda che è diventata il simbolo della resilienza, senza mai fermarsi durante tutto il lockdown, sfornando manufatti in ceramica unici come il piatto “antibatterico”.    Dopo l’inno d’Italia, i maestri Fabio Battistelli al clarinetto e Stefano Falleri alla chitarra hanno eseguito una serie di brani “icone” del repertorio del maestro Morricone, Carosone e Pixinguinha-Lacerda, un’esibizione magistrale di “Um a zero”, intervallati dalla lettura del Quinto canto della Divina Commedia, interpretato dagli attori, Elena Galvani e Jacopo Laurino, Stradanova Slow Theatre. Al termine della performance musicale, Patrizia Venturini, sindacalista-attrice, ha letto, accompagnata dalle note del clarinetto e della chitarra, un passaggio di un intervento di Giuseppe Di Vittorio: “La cultura è anche uno strumento di difesa e di potenziamento della libertà, perché non si può concepire uno sviluppo nazionale della cultura senza la libertà”. Il concerto registrato oggi verrà poi trasmesso nel pomeriggio di sabato 1 maggio sui canali social del Comune di Città di Castello, riferisce l’ente. 

Comunicato stampa ANSA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *