Angelo Iannelli ci presenta il suo Pulcinella burattinaio

Angelo Iannelli ci presenta il suo Pulcinella burattinaio

 330 visite totali,  1 visite oggi

Durante la premiazione del prestigioso Premio dell’Ambasciatore del Sorriso, il maestro burattinaio Adriano Ferraiolo ha omaggiato l’artista poliedrico Angelo Iannelli di un Pulcinella burattinaio, il personaggio più amato dal pubblico del teatro di burattini. La maschera napoletana è da sempre la protagonista indiscussa, e in ogni spettacolo si contrappone con il suo spirito allegro e generoso al cattivo di turno: il diavolo, il guappo, il ricco o il prepotente. Sul palco ad affiancare il nostro amato Pulcinella, simbolo della comicità partenopea in teatro, l’ icona della comicità cinematografica Charlot Monello per rendere omaggio al grandissimo Chaplin. Una bellissima pillola di comicità.

Il mondo dei burattinai per il maestro Andrea Ferraiolo ha avuto inzio all’età di 13 anni quando suo fratello non aveva voce e suo padre non lavorava più da tempo a causa di una malattia. In quel momento dovette interpretare sei personaggi davanti a un gremito di persone e dopo il primo spettacolo inizia a chiedere al padre di fargli fare il teatrino dei burattini, prendendo le redini in mano a 15 anni. Tante cittadinanze onorarie e tanti riconoscimenti da annoverare come l’incontro con il Papa Francesco che per l’occasione ha ricevuto un Pulcinella da Andrea Ferraiolo. Inoltre, tra i premi più recenti anche il premio Charlot ricevuto a Salerno mentre nel 2019 è stato insignito del premio alla carriera al Giffoni Film Festival. Tante anche le soddisfazioni nel mondo della televisione con la sua partecipazione, dal 1963, a Studio 1 e a Canzonissima insieme a numerose rassegne di marionette e burattini, sempre alla Rai.

Chissà che lo stesso Pulcinella iannelliano non abbia un buon feeling da burattinaio per rappresentare delle situazioni realistiche un giorno e in molti immaginano anche un duetto con il maestro Andrea Ferraiolo

Alcune foto riportate in questo articolo sono state scattate dal geniale Ph Pio Angilotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *